CROCCHETTE DI PERSICO AL CARTOCCIO CON PESTO DI CARCIOFINI

4

Confesso di avere i miei assaggiatori ufficiali quando preparo qualche nuova ricetta; non sempre riesce perfetta al primo tentativo, ma è proprio questa la parte più bella: sperimentare, mescolare sapori e consistenze che, insieme, danno un risultato vincente.

Un sapore delicato, una cottura leggera, un pesce che sostituisce la classica crocchetta e ci fa affrontare l’avvento della bella stagione senza troppi sensi di colpa.

Una collaborazione, quella con Valbona, che abbina un gusto gentile con una sferzata di sapore intenso e un progetto che mi sta molto a cuore: l’ultimo numero di Taste & More.

CROCCHETTE DI PERSICO AL CARTOCCIO CON PESTO DI CARCIOFINI
Crocchette di pesce cotte al forno in cartoccio con pesto di carciofini
Write a review
Print
Ingredients
  1. Per 15 crocchette
  2. 400g di latte scremato
  3. 160g di pesce persico
  4. 150g di ricotta vaccina
  5. 130g di pane secco
  6. 40g di parmigiano grattugiato
  7. 30g di pangrattato
  8. 3 spicchi d’aglio
  9. 1 uovo
  10. 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  11. 1\4 di bicchiere di vino bianco secco
  12. noce moscata q.b.
  13. sale
  14. pepe
  15. olio extravergine d’oliva
  16. Per il pesto
  17. 185g di carciofini tagliati biologici valbona (sgocciolati)
  18. 40g di olio extravergine d’oliva
  19. 20g di capperi (dissalati)
  20. 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
Instructions
  1. In una ciotola dai bordi alti bagnate il pane secco con il latte e lasciatelo in ammollo fino a quando non sarà facile impastarlo. Fate bollire per due minuti il pesce persico in una pentola insieme al vino bianco, all’aglio e ad un pizzico di sale. Impastate il pane ammollato con il pesce, la ricotta ben sgocciolata, il parmigiano grattugiato, il pangrattato, l’uovo, il prezzemolo, la noce moscata, una presa di sale e una macinata di pepe nero. Fate riposare l’impasto in frigorifero per 15 minuti poi, con l’ausilio di due cucchiai, formate delle quenelle che posizionerete su dei rettangoli di carta forno e che impacchetterete, una ad una, torcendo due lati e creando una forma di caramella. Cuocete in forno a 180° per 40 minuti e servite le crocchette calde (non bollenti) private del cartoccio.
  2. Nel frattempo pestate (o frullate) i carciofini valbona sgocciolati con i capperi, il prezzemolo e l’olio d’oliva. Servite il pesto come accompagnamento per le crocchette di persico.
E il Basilico http://www.eilbasilico.ifood.it/

FIORI DI ZUCCA RIPIENI

I tramonti estivi sono sempre magici e abbaglianti da qualunque angolazione del mondo si guardino.

Giallo, oro, arancio e tante sfumature che accendono i sensi e fanno venire voglia di non tornare più a casa, di stare all’aperto, sotto il cielo con un mazzo di fiori in mano.

Fiori e tramonto, aperitivo e sensi, annusare, mangiare, bere, chiacchierare, divertirsi…ecco di cosa parla la ricetta di oggi.

In realtà non è nemmeno una ricetta perché è di una semplicità incredibile, è un’idea.

FIORI DI ZUCCA RIPIENI
Un aperitivo semplice e delizioso
Write a review
Print
Prep Time
10 min
Cook Time
10 min
Total Time
20 min
Prep Time
10 min
Cook Time
10 min
Total Time
20 min
Ingredients
  1. Per 2 persone
  2. 8 fiori di zucca
  3. 8 fette sottili di mozzarella in panetto
  4. 4 fette sottili di prosciutto cotto
  5. 4 acciughe sott'olio (facoltative)
  6. olio extravergine d'oliva
Instructions
  1. Lavate delicatamente i fiori di zucca e privateli del pistillo e del gambo.
  2. Create un piccolo involtino con mezza fetta di prosciutto cotto, 1 fetta di mozzarella e mezza acciuga, poi infilate il rotolino all'interno del fiore.
  3. Preriscaldate il forno a 180°, una volta riempiti tutti i fiori disponeteli distanziati l'uno dall'altro su una teglia rivestita di carta da forno, irrorateli con un filo d'olio e fateli cuocere per 10 minuti.
  4. Lasciate riposare i fiori di zucca ripieni per qualche minuto prima di servirli ancora caldi.
Notes
  1. Se l'acciuga non è di vostro gradimento potete eliminarla, saranno comunque deliziosi.
E il Basilico http://www.eilbasilico.ifood.it/

 

CONSIGLIA 5 ragioni per non perdere Taste of Milano 2017